Vietato usare il reddito di cittadinanza per il gioco online

Il divieto di usare il reddito di cittadinanza per il gioco online è stato confermato e la notizia ancora non confermata non sorprende più di tanto.

Il reddito di cittadinanza è uno dei provvedimenti del nuovo governo che maggiormente ha fatto discutere sia le diverse parti politiche sia i cittadini. C’è chi lo vede come un diritto civile sacro santo e chi invece solo come un sussidio a perdere, che non offrirà nessuna soluzione di miglioramento delle condizioni di vita di chi è maggiormente in difficoltà.

A parte questo, vi sono poi state polemiche sulle procedure da seguire per poterne fare domanda, sui requisiti richiesti dal decreto e anche su come i soliti furbetti hanno cercato e stanno cercando di aggirare le regole. Insomma, un provvedimento complicato che per entrare a regime avrà bisogno di tempo.

Il reddito di cittadinanza è uno dei nuovi provvedimenti del governo che ha creato più dibattito e “confusione” tra i cittadini in condizione di bisogno. In questi giorni l’esecutivo è anche al lavoro per approntare una nuova lista delle spese ammissibili e non ammissibili e, senza alcuna sorpresa, scopriamo che il gioco nei nuovi casino online non è ammesso nelle spese del reddito di cittadinanza.

Anche se l’elenco non è ancora stato ufficializzato, sono già emerse chiare indicazioni che il quotidiano Il Messaggero ha raccolto e pubblicato ai suoi lettori. Tra l’elenco degli acquisti che possono essere fatti utilizzando il reddito di cittadinanza ve ne sono alcuni chiari ed intuitivi altri più difficili da comprendere. Scopriamo qui sotto le spese ammesse e non ammesse:

Spese ammesse: cellulare, abbigliamento, vino (ma non altri tipi di alcolici come potrete leggere più sotto), piccoli e grandi elettrodomestici (lavatrice, micro-onde, frullatore, frigorifero) e mobili per la casa. Sono ammessi chiaramente i farmaci e gli alimenti e, a sorpresa, sono consentiti anche i conti del ristorante. Con il reddito di cittadinanza potrà anche aiutare nel pagamento delle bollette, l’affitto di casa e le rate del mutuo.

Spese non ammesse: l’intrattenimento non è uno degli aspetti di vita che il reddito di cittadinanza andrà a coprire, infatti chi riceve il reddito di cittadinanza non potrà giocare online, anche se si tratta di un casino online famoso come 888.it, ma neanche usarlo per l’abbonamento a Netflix o a Spotify. Vodka e rum non sono ammessi così come beni che non sono considerati di prima necessità come ad esempio i gioielli. Vietato l’uso del denaro pubblico per gli acquisiti online in generale.

La lista rappresenta un elenco aggiornato rispetto alle indicazioni precedenti e include anche beni che erano stati esclusi all’inizio, sempre però con l’attenzione di orientare l’uso del reddito di cittadinanza per quelle che possono essere considerate esigenze primarie e non per attività di divertimento e intrattenimento come appunto il gioco nei casinò italiani.

Il divieto di usare il reddito di cittadinanza per il gioco online in realtà non è una novità, ed il principio è sempre stato affermato anche prima che questo strumento diventasse operativo. Visto l’atteggiamento fortemente contro il gioco d’azzardo dimostrato da questo governo, si veda ad esempio il divieto di pubblicità al gioco, sinceramente i giocatori italiani non si aspettavano nulla di diverso.

Le tessere che sono già state rilasciate sono state create in modo da funzionare per gli acquisti del paniere allargato e le l’unica vera categoria di prodotti che sarà completamente bloccata è quella legata ai giochi e alle scommesse.

I giocatori più esperti, tuttavia, non hanno bisogno del reddito di cittadinanza per poter godere del loro intrattenimento preferito senza spendere un euro. Quando si tratta di casinò online, vi sono così tante opzioni per giocare gratis online, che non è necessario ricorrere al reddito di cittadinanza per potersi divertire. Un giocatore può infatti scegliere di giocare nella versione Demo di un qualsiasi gioco presente nella piattaforma oppure di avvalersi di un bonus senza deposito che consenta 1 ora di gioco gratis. Le promozioni Happy Hour sono un’altra eccezionale opportunità di giocare più a lungo affiancando la propria ricarica con denaro gratis o giri gratis offerti direttamente dall’operatore.

 

L'autore di questo pezzo:

Fabrizia Riccini

Recensioni dei casinò - da anni Fabrizia naviga la rete alla ricerca di nuovi casinò legali da proporre ai nostri lettori e monitora quelli esistenti per rilevare eventuali cambiamenti. Fabrizia è anche la nostra cacciatrice di bonus e si dedica alla ricerca delle migliori offerte del momento.

Accedi ad offerte segrete nei migliori casinò mondiali

Accedi ad offerte segrete nei migliori casinò mondiali

Leggi a nostra politica su cookie e privacy