Home / Giochi Casino / Poker Online
breve guida al poker online
Commento

Poker online: come scegliere la sala giusta e i bonus migliori

Il poker, uno dei giochi casino  più popolari al mondo, è diventato un intrattenimento accessibile a tutti gli italiani quando l’AAMS ha incluso il poker online nell’elenco dei giochi che potevano essere offerti dai casinò con licenza.

Da quel momento in poi, la popolarità di questo gioco di carte non ha fatto altro che crescere attirando sempre nuovi appassionati.

Iniziare a giocare a poker online è piuttosto semplice: quello che vi serve è un computer a disposizione (anche un tablet  o uno smartphone vanno bene),  una connessione internet veloce ed affidabile, un piccolo budget da spendere e la conoscenza delle regole base del gioco. Con questi pochi elementi potete già tuffarvi nel mondo emozionante del poker, il resto verrà con l’esperienza

 

Poker online: le parole chiave

Ecco le parole che dovete assolutamente conoscere se volete giocare a poker online.

Texas Holdem: è la variante di poker più popolare online e offline. Si gioca con due carte coperte date ad ogni giocatore e cinque carte scoperte girate dal dealer. Il gioco di per sé non è molto complicato ma non ci si può improvvisare, vi consigliamo quindi di cercare in internet una buona accademia di poker online, nella quale siano presenti tutorial con video e istruzioni chiare. Qualcuno sostiene che anche giocare a video poker possa essere di aiuto.

Buy-in: è la quota che dovete pagare per potervi sedere al  tavolo di un torneo. La somma pagata da ogni giocatore va in parte ad alimentare il montepremi finale messo in palio. E’ chiaro quindi che più alto è il buy in, più alto sarà il premio che potrete portare a casa. Se siete un principiante è meglio partire da un buy-in modesto.

Bankroll: si riferisce ai soldi e dunque alla fiches a disposizione del giocatore. Più il gioco andrà avanti più il vostro obiettivo dovrà essere quello di aumentare il capitale di fiches.

Bad Beat: ovvero “brutto colpo”. Si dice quando una mano favorita, per esempio AK, perde contro una mano nettamente inferiore, che può essere AQ.

Blind: ovvero i “bui”, le due puntate obbligatorie che a rotazione devono essere fatte prima che cominci la mano. Il Big Blind risiede due posti dopo il Dealer (bottone), mentre lo Small Blind subito accanto al Dealer. Il Dealer è colui che dà le carte.

Sit&Go: anche i Sit&Go sono tornei che però iniziano non in date ed orari specifici come i tornei classici, ma piuttosto quando il numero necessario di giocatori al tavolo è stato raggiunto. Hanno un formato più agile e breve dei torni classici e sono quindi sempre molto frequentati.

Giochi cash: il poker cash è notevolmente differente dai tornei, infatti ci si può sedere al tavolo senza la necessità di pagare un buy-in. Si può entrare in una partita e abbandonarla quando si vuole. Questi giochi sono perfetti se amate passare rapidamente dalle video slot al poker, al blackjack, in base a come gira la fortuna.

Freeroll: sono tornei che non richiedono alcun buy-in, cioè l’iscrizione è gratuita. Sono una grande opportunità per tutti i principianti perché permettono di avvicinarsi al gioco senza spendere denaro vero, ma con reali opportunità di vincita.

Tornei: un torneo è una serie di partite successive al termine delle quali vi è un vincitore. Per accedervi si paga di norma un buy-in e si ottiene un ammontare iniziale di fiches con le quali giocare. Se finite le vostre fiches siete fuori da torneo, a meno che il gioco non preveda la possibilità di acquistare nuove fiches, ovvero il re-buy.

Tipologie di tornei

Shootout: al contrario del torneo tradizionale, in cui i tavoli vengono bilanciati con lo stesso numero di giocatori ogni volta che avvengono le eliminazioni, il torneo Shootout consiste nel rimanere sempre allo stesso tavolo e, per andare avanti fino al tavolo finale, bisogna vincere quello in cui siete stati assegnati: in che modo? Semplice, facendo fuori tutti gli avversari. Esistono anche i Double e i Triple Shootout, in cui bisogna vincere due o tre tavoli prima di raggiungere quello finale.

Knockout: in questo tipo di torneo ogni giocatore ha una taglia sulla propria testa e dunque ogni volta che riuscirete ad eliminare un avversario riceverete un premio. Questo ovviamente contribuisce ad aumentare l’aggressività del gioco e senza dubbio alcuni giocatori adotteranno una strategia talvolta sconsiderata. Addirittura, nei tornei Progressive Knockout, ogni volta che elimini un avversario la tua taglia aumenterà e dunque diventerai un bersaglio molto ambito dagli altri giocatori che probabilmente entreranno in gioco in tutte le mani che ti vedono protagonista.

Deep Stack: è una tipologia di torneo adatta ai giocatori “tight” ossia quelli che prediligono un gioco ragionato e prudente. Lo stack iniziale sarà molto profondo e il livello dei bui si alzerà molto lentamente, in modo da avere parecchio spazio di manovra e poter attendere la mano giusta per entrare in gioco. Naturalmente la durata di un Deep Stack sarà di almeno 6/7 ore.

Multi Stack: si tratta di una variante moderna e divertente, che permette di giocare più a lungo e di adottare varie strategie di gioco. Il multi stack prevede che invece di ricevere tutte le chips in una sola volta, avrete a disposizione vari mini stack con cui entrare in gioco. Per esempio un torneo con 3 stack da 5000 fiches prevede che possiate cominciare a giocare con un solo stack e decidere di usufruire degli altri 2 stack durante il gioco. In questo modo, se perderete il primo stack da 5000, avrete la possibilità di ricaricare altre due volte lo stack, altrimenti potrete cominciare a giocare direttamente con 15000 chips.

Turbo: sono il contrario dei Deep Stack. Qua la quantità delle fiches sarà ovviamente minore e i bui si alzeranno piuttosto rapidamente: naturalmente la fortuna giocherà un ruolo ancor più determinante e avrete meno tempo a disposizione per aspettare la mano giusta. Un’altra variante sono i tornei Flash che sono ancora più veloci dei Turbo e in cui la componente “aggressività” sarà decisiva.

Zoom: l’ideale per i giocatori “Maniac” ovvero per chi non ha voglia di attendere troppo la mano giusta, ma predilige giocare quasi tutte le mani. Nei tornei Zoom il giocatore riceve le sue due carte e se non gli piacciono può fare Fold e nel giro di un istante verrà spostato subito ad un altro tavolo dove riceverà altre due carte. Stiamo parlando di un torneo dove l’immediatezza e la velocità la fanno da padrone, ma in cui si fa anche presto a perdere tutte le fiches.

Six-Max e Four-Max: accanto ad un torneo troverete spesso questa dicitura che indica semplicemente il numero di giocatori massimo per tavolo. Naturalmente i tornei con meno giocatori sono più aggressivi e permettono di giocare più mani al contrario dei tavoli tradizionali da 9 persone. Possono essere sia Turbo che Deep.

Satelliti: parliamo di un torneo che non è altro che un modo per qualificarsi ad un torneo più importante e più costoso oppure ad un torneo live. Il Satellite consente di ottenere la qualificazione, per esempio, ad un torneo domenicale in cui il buy-in è molto costoso oppure di ottenere un ticket per un evento come il World Poker Tour o l’European Poker Tour. Nel Satellite l’obiettivo non è arrivare primo, ma conquistare un posto in palio per l’evento a cui volete partecipare, dunque spesso e volentieri sarà sufficiente arrivare al tavolo finale.

Heads-up: come possono mancare i tornei dedicati esclusivamente agli amanti dei testa a testa? Su internet troverete svariati tornei in cui giocherete soltanto uno vs uno fino a quando non resterete in due al tavolo finale. Anche in questo caso potrete trovare dei tornei lenti e con uno stack profondo e altri rapidi e con poche fiches a disposizione.

Re-buy: qua i giocatori hanno la possibilità di ricomprare, entro un determinato limite di tempo, ulteriori fiches per aumentare lo stack a gioco in corso, oppure per rientrare in gioco se hanno perso tutte le loro fiches. Generalmente il re-buy può essere effettuato nella prima ora e mezzo di torneo e durante il periodo prestabilito il numero di re-buy può essere limitato o illimitato. Una volta terminato il periodo di re-buy è possibile effettuare l’add-on ovvero un ulteriore incremento di fiches che andrà ad aumentare il vostro stack. L’add-on si può fare soltanto una volta.

I poker bonus

Come accade per i giochi casino, anche per il poker è possibile trovare online dei bonus che permettano di aumentare il proprio budget, in maniera totalmente gratuita. E’ chiaro quindi che se state cercando una sala nella quale iniziare la vostra esperienza con il poker online, la prima cosa che dovete cercare è un bonus di benvenuto poker, meglio se senza deposito. Il bonus di benvenuto viene elargito a coloro che aprono un nuovo conto presso il casinò e se è un bonus senza deposito, non vi servirà nemmeno fare un versamento.

Il bonus che riceverete vi servirà per pagare i buy-in dei tornei, quindi se iniziate con tavoli con buy-in bassi, potrete far durare il vostro bonus il più a lungo possibile.

 breve guida al poker online

Poker online: come scegliere la sala giusta

Come sempre quando si tratta di giochi online, ci si trova davanti al dilemma di scegliere il miglior sito di gioco, in questo caso, la migliore sala poker. Ecco qui sotto i 5 elementi da tenere in considerazione per fare la scelta giusta:

  • scegliere solo sale poker legali in casino AAMS
  • testare il software di gioco: optate per una sala che abbia un software veloce, chiaro e che soprattutto regga una enorme quantità di giocatori nelle ore di punta
  • Quantità di iscritti: una sala con molti giocatori può offrire una maggiore quantità di tornei e giochi cash, nonché livelli di gioco differenti
  • Bonus e promozioni: è chiaro che vale sempre la pena dirigersi verso una sala che vi offre denaro gratis per giocare.
  • Servizio clienti: anche nel miglior sito del mondo può succedere di avere un problema. Quindi è importante avere trovare un servizio clienti preparato, rapido e cordiale.

Commento

lascia un commento